Il Grande Schermo
Il caso Thomas Crown, ovvero gli abiti del potere
Di Charlie Thomas
torna agli articoli

A volte i costumi di scena di un film sono così perfetti che diventano più famosi della sua trama. Probabilmente hai visto immagini dal film Il caso Thomas Crown di Steve McQueen, con i suoi abiti a tre pezzi e l’indimenticabile orologio da taschino, più spesso di quanto tu creda. Definire iconico il guardaroba del suo personaggio in questo film infatti è un eufemismo.

Basta una rapida occhiata ai titoli di coda per capirne il motivo. Il maestro della sartoria londinese Douglas “Dougie” Hayward è l’artefice di gran parte degli abiti del film, e li ha realizzati su misura per McQueen con il suo tipico stile anni ’60. Inoltre, c’è sempre il suo nome dietro a film come Alfie (1966), Carter, The Italian Job e Solo per i tuoi occhi. Molti dei grandi attori degli anni ’60 volevano a tutti i costi lavorare con Dougie. Michael Caine e Roger Moore erano soliti sedersi per ore nel suo showroom di Mount Street, scambiandosi aneddoti tra uno scotch e l’altro. Il caratteristico negozietto di Hayward è ricordato da tutti come un microcosmo di trend-setter, il figlio perfetto degli Swinging Sixties.

Se Hayward era il creatore per eccellenza, McQueen era l’indossatore perfetto. In effetti, se mai avessi dei dubbi su come indossare i tuoi abiti con sicurezza, potresti semplicemente studiare le movenze di McQueen nei panni di Thomas Crown, il rapinatore di banche milionario di questo film del 1968. Lui non cammina: si aggira. Il suo fascino gelido trasuda dai gesti laconici e dalle lenti blu ghiaccio degli occhiali da sole Persol.

Ma torniamo ai vestiti. La maggior parte di quelli indossati sarebbero un po’ stravaganti praticamente per chiunque altro; un elaborato sfoggio di ricchezza. Il look più famoso, il tre pezzi a quadri grigio, era indossato con un orologio da taschino Patek Philippe e un fazzoletto da taschino attentamente scelto. Ma la mascolinità di McQueen, fredda e aspra, assicura che i suoi abiti non sembrino mai sopra le righe. E comunque, la camicia e la cravatta giuste bastano a tenere tutto sotto controllo.

Nel caso del tre pezzi grigio in Principe di Galles, la camicia azzurra con colletto alla francese è abbinata a una cravatta di seta blu, con nodo mezzo Windsor, che si intonano perfettamente con gli occhi e i colori di McQueen. Questa tecnica “tono su tono” è utilizzata anche per la camicia lilla con cravatta lavanda indossata con un completo a tre pezzi grigio. È un modo ricercato di vestirsi, ma comunque semplice da replicare.

Succede che nei film più eleganti spesso i look meno discussi sono i migliori. Il caso Thomas Crown è un esempio calzante, e la chicca è il look di McQueen sulla Dune Buggy rotta. Per il suo galante giro sulla spiaggia sceglie una camicia sportiva arancione a maniche lunghe, squadrata, in leggero cotone-lino. Abbinandola a pantaloncini neri e ai caratteristici Persol, crea un outfit da spiaggia elegante e disinvolto. E mostra anche la versatilità della camicia con colletto: dagli abiti all’abbigliamento da spiaggia, è sempre appropriata. Basta scegliere bene il taglio, la forma e la vestibilità. Dougie Hayward lo sapeva, e ora lo sai anche tu.

Articoli Correlati
Seguici
@thomasmason
Ultimo Podcast
tutti i podcast