Consigli di Stile
Oltre il bianco e l’azzurro: nuovi spunti per una camicia formale
Di Aleks Cvetkovic
torna agli articoli

Che cosa succede agli uomini quando devono indossare qualcosa di colorato? Non siamo molto bravi in questo, vero?

“Un abito marrone scuro? Non potrei mai, meglio rimanere sul grigio.” Oppure, “Una camicia a righe verdi? No no, indosso solo azzurro.” O ancora, “Una cravatta fantasia? Mai e poi mai! Mi piace la mia blu”. Le nostre compagne, mogli e fidanzate hanno cercato per generazioni di cambiare le nostre abitudini monocromatiche in fatto di vestiti. Ora, per vostra fortuna, è arrivato il mio turno.

Faccio una piccola premessa: non c’è niente di sbagliato nell’indossare camicie bianche e azzurre ovviamente; sono e dovrebbero essere parte essenziale del nostro guardaroba, soprattutto per chi lavora in un ambiente formale. C’è una ragione se vengono considerate dei classici senza tempo (prossimamente in questa rubrica parleremo approfonditamente anche di camicie bianche) ma, tuttavia, là fuori c’è un mondo di tessuti colorati tutto da scoprire.

Per quanto mi riguarda, ho trascorso gran parte della mia vita da adolescente e da adulto indossando una miriade di colori e fantasie – nei primi anni 2000 ero completamente ossessionato dallo stile dandy.  Quando il #menswear era al suo apice, io frequentavo il college di Sixth Form nell’Inghilterra meridionale, ma sarei potuto essere benissimo una comparsa di Boardwalk Empire. Il mio primo abito è stato un tre pezzi bianco e nero gessato, con fodera color cremisi. Lo abbinavo a una camicia popeline di un cremisi acceso, con tanto di cravatta in raso nera, argento e rossa. Avevo ancora molto da imparare a quei tempi.

Questa disastrosa storia di gioventù rivela il rovescio della medaglia della camicia colorata. Come per tutto ciò che riguarda l’abbigliamento maschile, c’è una linea sottile che non deve essere oltrepassata. Troppo colore e finirai per sembrare un pagliaccio, ma fidati, uscire dalla comfort zone del bianco e azzurro potrà aiutarti a trovare il tuo stile personale. La camicia giusta, abbinata alla giusta giacca, ti permetterà di guadagnare punti al primo appuntamento, durante un importante pranzo di lavoro o a non passare inosservato a una festa.

Ed è qui che entra in gioco Thomas Mason, insieme ai sarti e camiciai che fornisce. Thomas Mason è il re indiscusso del colore quando si tratta di tessuti per camiceria. Un nome e una storia inglesi, oggi nelle mani sicure di Albini Group: i suoi designer studiano attentamente i libri dell’archivio storico del brand inglese per garantire che i colori utilizzati nelle nuove collezioni rispettino la tradizione. Le autentiche tonalità del magenta, verde bosco, viola e navy sono tutti tratti distintivi di Thomas Mason. Contrariamente a quanto si pensa, le camicie colorate sono una prerogativa tipicamente inglese, come dimostra lo straordinario archivio di Thomas Mason, risalente al XVIII e XIX secolo.

Quindi, se volessi aggiungere un tocco di colore al tuo guardaroba, da dove inizieresti?
Supponendo che tu abbia già delle belle camicie bianche e azzurre, e probabilmente anche qualcuna a righe blu e tinta unita, direi che ci sono almeno altre tre o quattro camicie che potresti facilmente aggiungere al tuo armadio. La prima è la mia preferita: una camicia color crema in oxford o popeline. Il crema ha una sfumatura più morbida e calda rispetto al bianco e si adatta perfettamente a ogni tipo di carnagione. Sotto un abito classico o un blazer blu scuro e con una cravatta bordeaux testurizzata, una camicia color crema risulterà incredibilmente sofisticata – un outfit che i tuoi colleghi ammireranno senza saperne spiegare il motivo.

Passiamo ora a un paio di righe diverse dal solito, e qui c’è da sbizzarrirsi. Le righe verde scuro, così come quelle rosso scuro, sono estremamente sottovalutate. Entrambe rimangono scelte piuttosto classiche e si abbinano perfettamente ad altri colori scuri, ideali da indossare sotto abiti e cappotti sportivi. Il tessuto Downing di Thomas Mason offre alcune bellissime opzioni dalla mano meravigliosamente croccante, così come Buckingham, il popeline della collezione Goldline. Le righe bengal, più sottili, sono adatte a contesti formali, mentre le butcher, più spesse, si prestano per camicie dall’aspetto più casual. Per lavoro utilizzo camicie a righe bengal di color verde bosco o giallo tenue, per conferire quel tocco in più a un abito sobrio. Per il tempo libero opto invece per righe butcher color cioccolato o oliva, che indosso sotto giacche in tweed dai colori terrosi.

Lasciati ispirare inoltre da questo ritorno dei colori pastello, perfetti anche in inverno. Mentre scrivo indosso una camicia oxford color verde menta, che ho anche color burro. Il rosa salmone è una tonalità perfetta per un look smart-casual: in popeline, fil-à-fil o oxford, è sicuramente una camicia che è utile avere. Indossala con un blazer o un abito blu scuro, o sotto una giacca in denim per un look più rilassato. Allo stesso modo, le camicie in flanella di cotone sono perfette per i mesi più freddi, soprattutto nei colori più tenui dell’indaco e del talpa, indossate sopra dolcevita in lana e abbinate a jeans o pantaloni in velluto. Potresti anche concederti un tessuto Balmoral di Thomas Mason in cotone e cashmere di altissima qualità, disponibile in originali tartan e quadri.

Alla fine, gli abiti sono fatti per essere indossati con piacere e a volte indossare sempre le stesse cose può risultare limitante e noioso. Inserire qualche camicia colorata nel tuo armadio, invece, farà la differenza. E se ti spaventa l’idea di indossare colori a cui non sei abituato, come il verde o il rosa, una volta provati vedrai che apriranno davanti a te una serie di possibilità infinite.

E se non vuoi fidarti di me, ascolta allora le parole di David Hockney, icona di stile spesso sottovalutata: “Una vita a colori è una vita ben vissuta“.

Articoli Correlati
Ultimo Podcast
tutti i podcast